• +39 366 248 2413
  • info@studiofisioterapiaequilibrio.it
  • Lun - Ven: 9:00 - 19:30
  • Lun - Ven:
    9:00 - 19:30

Onde d’urto

Cosa sono le onde d’urto?

La terapia con Onde d’Urto o ESWT (Extracorporeal ShockWave Therapy) utilizza il fenomeno della cavitazione indotto da onde acustiche impercettibili ad elevata intensità per curare, in maniera non invasiva, patologie di varia natura.

Come funzionano le onde d’urto?

Le Onde d’Urto generano microtraumi in grado di rendere più rapidi i naturali processi biologici di riparazione dei tessuti. In questo modo il metabolismo migliora, l’irrorazione sanguigna aumenta ed il tessuto danneggiato si rigenera e guarisce.

Fanno male?

Va fatto presente, al paziente, che la terapia ad onde d’urto può risultare dolorosa poiché, lavora sulle porzioni di osso ricche di recettori e sensibili, ma in ogni caso è un fastidio sopportabile e tollerabile.

Protocolli dì trattamenti?

I protocolli di trattamento sono differenziati in base alla patologia dei singoli casi clinici.

Indicazioni terapeutiche

Le Onde d’Urto sono indicate per svariate patologie ortopediche, prime fra tutte le tendiniti/tendinosi della spalla, del tendine d’Achille e del rotuleo, le patologie del piede come gli speroni calcaneari e in tutti i ritardi di consolidamento di fratture ossee.

Patologie tessuti ossei:

  • Ritardi di consolidamento/pseudoartrosi
  • Necrosi asettica testa omero/femore
  • Fratture da stress
  • Algoneurodistrofia

Tendinopatie:

  • Tendinopatia calcifica di spalla
  • Epicondilite/epitrocleite
  • Tendinite trocanterica
  • Tendinite della, zampa d’oca
  • Tendinite post-traumatica di ginocchio
  • Tendinite del rotuleo
  • Tendinite achillea
  • Fascite plantare con sperone calcaneale

Patologie tessuti molli:

  • Condrocalcinosi gomito, anca, ginocchio
  • Rigidità articolare spalla/gomito/anca/ginocchio
  • Calcificazione e ossificazione
  • Miositi ossificanti
  • Fibrosi di muscoli, legamenti, fasce

Controindicazioni

La terapia ad onde d’urto ha delle controindicazioni in caso di infezioni ossee, nei disordini della coagulazione, in caso di tumori ossei, in caso di gravidanza, nei portatori di pace-maker e nelle cartilagini in accrescimento.